Gli uomini che fanno il vino amano la terra più di ogni bene prezioso.

Questa è la filosofia che li contraddistingue e che sta tutta nei silenzi parlanti di questi uomini e nell’umore contadino trattenuto all’interno di certe bottiglie scure. Sta nel soffio apparentemente stanco
dei ricordi narrati a fil di voce, con le luci e le ombre di una vita vissuta nella terra e dilatata da cicli della natura sempre uguali.

Sta nelle inquietudini, nelle battaglie, nell’orgoglio, a punteggiare gli episodi e gli aneddoti di frasi accennate. È bello stare in silenzio di fronte a persone così. Tutt’al più, aprire la bocca quel tanto che basta per accogliere un bicchiere di rosso sempre opportunamente ricolmato.

Questa è la filosofia che li contraddistingue e che sta tutta nei silenzi parlanti di questi uomini e nell’umore contadino trattenuto all’interno di certe bottiglie scure. Sta nel soffio apparentemente stanco dei ricordi narrati a fil di voce, con le luci e le ombre di una vita vissuta nella terra e dilatata da cicli della natura sempre uguali.

Sta nelle inquietudini, nelle battaglie, nell’orgoglio, a punteggiare gli episodi e gli aneddoti di frasi accennate. È bello stare in silenzio di fronte a persone così. Tutt’al più, aprire la bocca quel tanto che basta per accogliere un bicchiere di rosso sempre opportunamente ricolmato.

Gli uomini che fanno il vino amano la terra più di ogni bene prezioso.

“Alla base c’è la volontà di lavorare in modo ecosostenibile, rispettando il nostro fragile territorio attraverso la realizzazione di impianti fotovoltaici”

Claudio Sistoexcellencemagazine.it, 25/07/2019

“Per la cantina Albea la conversione dei terreni in biologico rappresenta una scelta consapevole dettata dalla volontà cosciente di rispetto dell’ambiente circostante”.

“Per la cantina Albea la conversione dei terreni in biologico rappresenta una scelta consapevole dettata dalla volontà cosciente di rispetto dell’ambiente circostante”.

Claudio Sistoexcellencemagazine.it, 25/07/2019

La cantina

La Cantina Albea è una delle più antiche ed accreditate cantine del territorio. Essa rappresenta un importante esempio di come si possano conciliare realtà produttive di concezione moderna a strutture classiche. La cantina nacque intorno ai primi del ‘900 e la sua struttura è interamente in pietra, con le cisterne destinate a contenere il vino interrate nella roccia, così come un tempo lo erano i serbatoi per l’acqua.